Capire i grafici di borsa

capire i grafici di borsa

Indice dei Contenuti

Cos’è un grafico? E come si fa a capire i grafici di borsa?

Semplicemente si tratta di una serie continua di prezzi su diagramma cartesiano.

Sull’asse orizzontale troviamo il tempo, su quello verticale il prezzo. In un’altra sezione apposita lungo l’ascissa troviamo, invece, volumi o altri indicatori tecnici. Gli intervalli (in gergo time frames), esprimono il grado di avanzamento del tempo. Indicano che cosa rappresenta ciascun punto del grafico.

Sono possibili diversi intervalli:

  • Mensile – monthly – (lunghissimo periodo)
  • Settimanale – weekly – (lungo periodo)
  • Giornaliero – daily – (medio breve periodo)
  • Orario – hour – (brevisimo periodo)
  • Infraorario – intraday – (day trading)

I dati necessari per capire i grafici di borsa sono: apertura, minimo, massimo, chiusura, volume. Il metodo di analisi tecnica è uguale per tutti gli intervalli. Però la validità delle analisi aumentano passando da frames minori a frames maggiori.

Un segnale proveniente da analisi settimanale è più affidabile di uno derivante da analisi giornaliera, che a sua volta è più affidabile di uno proveniente dal grafico orario.

Capire i grafici di borsa: le tipologie

Le principali tipologie di grafico di borsa sono 3:

  • Lineare
  • A barre
  • Candlestick

Grafico Lineare

Questo tipo di grafico di borsa, serve per avere a colpo d’occhio l’andamento di un titolo o di un sottostante oggetto di studio. Personalmente, aldilà della relazione tra andamento dei prezzi e volumi, non ne ricavo molte altre informazioni. Il grafico collega solo ed esclusivamente le chiusure dei prezzi con una linea continua.

capire i grafici di borsa grafico lineare

Grafico a barre

In questo tipo di grafico le informazioni aumentano drasticamente. Rileviamo apertura, chiusura, massimo e minimo di ogni barra. Quest’ultima è relazionata al time frames che stiamo utilizzando. Per esempio, se ogni barra rappresenta un giorno, le informazioni saranno relative all’intero arco giornaliero. Se, invece, ogni barra è calcolata ogni ora, le informazioni saranno relative ai 60 minuti appena trascorsi.

Da questo tipo di grafico si apre tutto un capitolo legato ai pattern di prezzo che approfondiremo successivamente.

capire i grafici di borsa: grafico a barre

Grafico Candlestick

Detto anche grafico a candele giapponesi, è probabilmente la tipologia di grafico maggiormente visualizzata dai traders.

Le informazioni rilevate sono le stesse di quelle di un grafico a barre, ma probabilmente sono più immediate e intuitive. Questa caratteristiche è data anche dai software di borsa che permettono la personalizzazione dei colori dei grafici.

capire i grafici di borsa: grafico candlestick

Capire i grafici di borsa: altre tipologie

Ne esistono anche di altra tipologia, ognuno restituisce delle informazioni differenti, ma personalmente reputo che possano essere fuorvianti sul capire i grafici di borsa.

Per citare i più conosciuti tra i grafici alternativi

Heikin Ashi

Variante delle candele giapponesi (candlestick). Lo scopo è di eliminare tutti i gap (punti di discontinuità) del grafico principale per comprendere al meglio il trend.

Come si calcolano i grafici Heikin-Ashi?

Il prezzo di apertura si calcola:

Prezzo di Apertura candela precedente + Prezzo di Chiusura candela precedente) / 2

Il prezzo di chiusura di calcola:

(Prezzo Apertura + Prezzo Chiusura + Max + Min) / 4

Puoi comprendere autonomamente che questo tipo di grafico di borsa è una media delle barre. Per questo motivo può indurre nell’errore il trader che ne analizza i movimenti.

grafici di borsa heikin ashi
Il grafico Heikin Ashi (a destra) può portare ad un'errata valutazione del grafico.

Candle Volume

Anche questo grafico è una variante del tradizionale candlestick. La particolarità sta nello spessore del corpo della candela. Una candela molto fina è indicativa di uno scambio avvenuti con bassi volumi, viceversa una candela spessa è indicativa di uno scambio avvenuto con grandi volumi.

Si perde l’uniformità dell’asse temporale, ma si comprende a colpo d’occhio quali movimenti di mercato sono confermati da volumi.

grafico candle volume

Conclusioni

Questi sono solo i principali grafici utilizzati per la rappresentazione dei prezzi di un sottostante. In realtà le rappresentazioni grafiche per capire i grafici di borsa sono molte di più, ma come hai avuto modo di leggere, sono fuorvianti e si rischia di prendere degli abbagli clamorosi.  Tutti tentativi di semplificare qualcosa che purtroppo semplice non è: il rumore di fondo del mercato.

Esercitazione: ti lascio con uno pseudo-compito. Prova ad applicare due medie mobili (una più veloce e una più lenta) su un grafico classico a barre e su uno Heikin-Ashi. Verifica i segnali dati dall’incrocio delle medie su entrambi i grafici.

Rimarrai stupit* per le storie completamente differenti alle quali ti troverai difronte.

Condividi sui social a beneficio di tutti o lascia un commento per eventuali curiosità!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *