Indici azionari: la volatilità annunciata [settimana 36-2021]

Futures indici azionari

Settimana pesante per gli indici azionari che, complice una volatilità annunciata in aumento, vede correggere sia gli indici europei che gli indici USA.

Durante la settimana, avevamo postato sul canale telegram di Imparare Trading una duplice condizione: quella degli indici di volatilità di medio lungo periodo in aumento rispetto a quelli di breve periodo, per poi vedere anche questi ultimi nella stessa dinamica.

Insistiamo molto in questi report sull’importanza della volatilità. Lo abbiamo fatto con un articolo interamente dedicato all’argomento e lo facciamo anche in queste righe per un semplice motivo: la volatilità è l’unica caratteristica dei mercati con stazionarietà e persistenza.

I modelli lo prendono in considerazione, insieme al suo intrinseco significato di rischio.

Indici azionari europei: quadro tecnico e ciclico

Passiamo ora in rassegna i grafici principali degli indici azionari europei. Tutti i cicli a 20 settimane sono in fase discendente, ora visibile anche dai prezzi.

I relativi indici Vstoxx (relativo alla volatilità implicita sul DJ Eurostoxx 50) e il VDAX (relativo alla volatilità implicita sul DAX) hanno superato la Bollinger superiore. Ciò che accade in questa configurazione è visibile anche analizzando i grafici nel passato.

Ovviamente, non stiamo narrando la cronaca di una disfatta, ma di un quadro tecnico che si complica leggermente. Finora è stato sempre “buy on dip”, la prossima settimana ci dirà se sarà anche questo il caso o c’è da aspettare un pò di più.

FTSE MIB

Vicino ai supporti in area 25.500, reputiamo che reggeranno solo in caso di riassorbimento della volatilità. La media verde rappresentativa del ciclo annuale è ancora intatta.

EUROSTOXX 50

Stessa condizione ciclica e con la media annuale perfettamente intatta. Reputiamo plausibile un ulteriore correzione verso la media grigia (rappresentativa del ciclo a 2 anni).

DAX

I prezzi rientrano nella zona di congestione, ma anche qui è una questione di volatilità: con il VDAX sopra la bollinger, i prezzi hanno più probabilità di testare area  15.270 prima e area 15.000 in un secondo momento.

indici azionari

Indici azionari USA

Oltre oceano, riproponiamo il grafico della volatilità a termine di tutti gli indici VIX che giustifica attesta lo S&P 500 a -1,73% considerando tutta la settimana borsistica.

indici vix
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *