Strategia breakout: quando usarla e su quali mercati?

Strategia breakout

Indice dei Contenuti

La più semplice strategia breakout è l’acquisto alla rottura del massimo della barra precedente e la vendita alla rottura del minimo della barra precedente. Non importa il time frame utilizzato (daily, orario, etc.), il meccanismo sarà sempre lo stesso.

La domanda o l’osservazione che potrebbe nascere è: quando ha senso utilizzare questo tipo di strategia?

Ci sono uno o più mercati dove si hanno migliori performances?

Strategia breakout o contrarian (contro trend), questo è il dilemma

Prima di addentrarci nella trattazione, ci tengo a precisare che quando parliamo di strategia di breakout, non necessariamente il livello di riferimento deve essere il massimo il minimo della barra precedente. La rottura al rialzo o al ribasso di un livello di prezzo ben definito è un breakout.

Quindi, può esserlo anche la rottura di un canale di prezzi, delle bande di Bollinger o di multipli dell’ATR (indicatore di volatilità trattato in questo articolo di analisi tecnica).

Fatta questa precisazione, possiamo procedere nella nostra ricerca per comprendere quando usare una strategia breakout.

Più è semplice, meglio è

Personalmente, adotto metodi algoritmici per studiare la natura di un mercato. Non ho un testo di riferimento per questa cosa, ma è frutto di esperienza e studio con persone verso le quali nutro stima. Una tra tutte, Andrea Unger (se è diventato campione del mondo con denaro reale per 4 volte, un motivo ci sarà).

Che significa semplice?

Significa che un banale test sistematico può svelarci l’intima natura del mercato. A questo punto dello studio, non dobbiamo formularne la strategia completa di stop loss e gestione della posizione. Dobbiamo “solostudiarne la natura.

Potete prendere qualsiasi software di analisi tecnica, entrare nell’ambiente di sviluppo e scrivere queste due semplici regole:

  • Compra con ordine stop al massimo della barra precedente
  • Vendi (short) con ordine stop al minimo della barra precedente

Ti riporto anche le due righe di codice easylanguage utilizzabili per i software Tradestation e Multicharts:

				
					Buy next bar at H stop;
Sell Short next bar at L stop;

				
			

Mi raccomando il simbolo di punto e virgola alla fine di ogni stringa di codice. Se usi altro software, puoi commentare questo articolo e provvederò a segnalarti le righe di codice (basta che non sia Metatrader, per scelta personale non utilizzo quella piattaforma ne i mercati non regolamentati legati ad essa).

Ordine stop: cosa significa?

Se sei un/una trader con dimestichezza, già saprai il significato. Per tutti gli altri è corretto spiegare le tipologie di ordini eseguibili sul mercato.

Gli ordini possono essere di tre tipologie:

  1. Ordini stop
  2. Ordini limite (limit)
  3. Ordini a mercato (at market)

Ordini stop

Questo tipo di ordini è tipico delle strategie breakout. La nostra operazione, sia di acquisto o vendita, verrà eseguita al livello di prezzo da noi specificato.

Es. il massimo/minimo del giorno precedente.

ordine stop

Ordini limite (limit)

Questo tipo di ordini è tipico delle strategie contrarian (contro trend). Analogamente agli ordini stop, il livello di prezzo al quale vogliamo essere eseguiti è opposto al verso del mercato.

Es. I prezzi stanno scendendo, e io voglio acquistare quando il livello sarà pari al minimo del giorno precedente. E viceversa.

ordine limite

Ordini at market

In questo tipo di ordini, non ci interessa il livello di prezzo. Vogliamo eseguire l’acquisto o la vendita al miglior prezzo e subito.

Cosa otteniamo dal test?

Ora che ci è più chiara la situazione, torniamo alle nostre due righe di codice e capiamone il senso.

Dal momento che non mi interessa strutturare la strategia operativa, ho bisogno di elementi qualitativi che mi aiutino a capire la natura del sottostante oggetto di studio.

Ad esempio, se applicando quelle due righe di codice, il risultato è quello che vedi in figura:

strategia breakout GOVT
Equity del test eseguito sull'ETF GOVT

Che conclusione puoi trarne?

E soprattutto, applicheresti una strategia breakout?

Io, no.

Se invece, ottenessimo questo risultato?

strategia breakout Stellantis
Test applicato al titolo italiano Stellantis

Qui c’è da parlarne, perchè per quanto non parliamo di strategia finita, abbiamo una palese indicazione della natura breakout del sottostante.

Altre informazioni dallo studio qualitativo

Tornando all’immagine dell’equity negativa, possiamo trarne ancora un’altra informazione fondamentale. Il test è stato condotto sull’ETF GOVT, un ETF molto liquido che riproduce l’andamento del T-Bond americano (il T-Bond è il titolo governativo a 30 anni americano, l’analogo del Bund tedesco).

Notando un’equity a 45 gradi negativa, ho provato ad applicare (sempre a scopo di studio qualitativo) le seguenti due righe di codice:

				
					Buy next bar at L limit;
Sell Short next bar at H limit;
				
			

L’equity risultante è la seguente:

strategia contrarian GOVT
Test contrarian applicato all'ETF americano GOVT

Praticamente sto testando la strategia contrarian di base per eccellenza: acquisto aspettando che i prezzi si portino sul livello del minimo di ieri e vendo short sul massimo di ieri.

Testando il sottostante credendolo idoneo per una strategia breakout, abbiamo scoperto che la natura invece è opposta. Quindi per GOVT sono più indicate strategie contrarian con ordini limit.

Strategie breakout e contrarian: quali mercati scegliere?

Dallo studio appena condotto appare evidente una prima caratteristica:

  • mercati molto liquidi con alti volumi di scambi sono più adatti per operatività contrarian.

Al contrario, mercati con volumi più ridotti e volatilità contenuta sono più adatti per strategie trend following (o breakout).

Operativamente parlando, se comprassimo sul massimo di ieri dell’ETF GOVT ci ritroveremmo con il classico caso dei prezzi che iniziano ad andare al contrario di quanto prospettato con conseguente difficoltà della gestione della posizione.

Un altro mercato molto liquido, che difficilmente si opera con tecniche trend following è il future mini S&P500.

Volendo citare mercati con caratteristiche breakout, abbiamo il Gold, il Crude Oil Wti e alcuni indici europei.

Tutto questo, non significa che un sottostante prevede o natura trend following o solo contrarian. Spesso, può capitare che le manifesti entrambi, magari in alcuni periodi dell’anno, o in alcune ore del giorno. Ma il bello del trading è anche curiosità e voglia di scoprire come operare certi mercati.

Da oggi hai sicuramente a disposizione una freccia in più nella faretra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *